salta al contenuto

Trapianto di organi tra esseri viventi

 

Cos’è

In generale gli atti di disposizione del proprio corpo sono vietati (art. 5 c.c.). Tuttavia, in alcuni casi la legge consente il trapianto di alcuni organi (rene; fegato, parti di polmone, pancreas e intestino) tra viventi.

L'atto di disposizione e destinazione degli organi (da parte di genitori, figli e fratelli maggiorenni al proprio congiunto malato o di altri parenti o di altri donatori estranei se il paziente non ha consanguinei) deve essere trasmesso al Giudice che rilascia il nulla osta all'esecuzione del trapianto.

L’atto di donazione deve essere a titolo gratuito, libero, spontaneo ed è sempre revocabile.

Normativa di riferimento

L. 26 giugno 1967, n. 458; l. 16 dicembre 1999, n. 483; l. 19 settembre 2012, n. 167

Chi può richiederlo

Il nullaosta viene rilasciato al donatore

Tribunale di Vibo Valentia - Corso Umberto I - 89900 Vibo Valentia (VV)
Tel. 0963 / 473111 - E-mail: tribunale.vibovalentia@giustizia.it

Sito realizzato da Edicom Servizi

CSS Valido! Valid XHTML 1.0 Transitional