salta al contenuto

Domanda di ammissione al passivo

 

Cos’è

È la domanda con cui si chiede di ammettere il proprio credito al passivo di un fallimento.

La domanda di ammissione al passivo è tempestiva quando viene presentata, con le modalità sotto specificate, entro i 30 giorni prima dell’udienza di verifica dei crediti (esame stato passivo), la cui data viene fissata con la sentenza che ha dichiarato il fallimento. L’esame dello stato passivo serve a individuare i creditori ammessi al concorso, nonché coloro che vantano diritti reali o personali su beni mobili o immobili di proprietà o in possesso del fallito.

La domanda può comunque essere presentata anche in data successiva, purché entro un anno dalla data di dichiarazione del fallimento. In tal caso si considera tardiva, è efficace, ma può comportare una limitazione nel diritto a partecipare alla ripartizione dell’attivo fallimentare (ciò che si è ricavato dalla liquidazione dei beni e crediti del soggetto fallito) per la parte eventualmente già distribuita.

Normativa di riferimento

R.D. 16 marzo 1942, n. 267 (Legge Fallimentare), artt. 92, 93, 95 e segg; art. 101 e successive modificazioni e integrazioni

Chi può richiederlo

I creditori (anteriori alla data del fallimento personalmente), soli o con l'assistenza di un legale.

Come si richiede e Documenti necessari

L’istanza va trasmessa via posta elettronica certificata al curatore, allegando i documenti a sostegno della domanda.

Il ricorso deve, pertanto, contenere:

  • l’indicazione della procedura cui si intende partecipare e le generalità del creditore;
  • la somma che si intende insinuare al passivo oppure la descrizione del bene di cui si chiede la restituzione o la rivendicazione;
  • l’esposizione dei fatti e degli elementi di diritto che costituiscono la ragione della domanda;
  • l’indicazione di un eventuale titolo di prelazione, nonché la descrizione del bene sul quale la prelazione si esercita, se ha carattere speciale (in mancanza, il credito è considerato chirografario);
  • l’indicazione, ai fini delle successive comunicazioni, del numero di telefax, dell’indirizzo di posta elettronica o l’elezione di domicilio in un Comune del Circondario di Vibo Valentia.

È consigliabile redigere la domanda in forma cartacea, stamparla e firmarla, poi scansionarla in formato pdf e inserire i file come allegato al messaggio di posta elettronica certificata che viene inviato al curatore.

I titoli di credito, oltre a essere allegati in copia alla email, devono essere depositati in cancelleria.

Il procedimento di accertamento delle domanda tardive si svolge nello stesso modo delle tempestive.

La presentazione della domanda interrompe il corso della prescrizione per tutta la durata della procedura fallimentare.

Costi

Esente da Contributo Unificato e spese forfettizzate

Tribunale di Vibo Valentia - Corso Umberto I - 89900 Vibo Valentia (VV)
Tel. 0963 / 473111 - E-mail: tribunale.vibovalentia@giustizia.it

Sito realizzato da Edicom Servizi

CSS Valido! Valid XHTML 1.0 Transitional